- aggiornamento del 15 Marzo 2017 -


Il terzo numero della rivista "Gli Archivi del Fumetto" è disponibile!!!

Ecco il terzo numero della rivista "Gli Archivi del Fumetto". La rivista è composta da 98 pagine a colori in formato A4.

Nel sito http://issuu.com/dteditore è disponibile un estratto contenente la copertina, l'editoriale, tutte le schede informative, le copertine originali e le prime tavole di ogni storia, da leggere su schermo e salvare nel vostro computer. Nello stesso sito è disponibile un estratto del numero due, con la stessa struttura di questo, e la versione digitale, integrale e gratuita, del primo numero.
Se non riusciste a visualizzarla qui sotto, con un click sulla scritta "issuu" a fianco potete accedere alla pagina.

Per acquistare la rivista bisogna accedere al catalogo della casa editrice, facendo click sull'immagine della copertina qui a fianco o sulla voce "per acquistare" nella colonna a sinistra.

Per comunicare le vostre opinioni o le vostre domande, scrivete a dteditore@gmail.com

___________

Dall'editoriale: "Questa rivista è stilisticamente eterogenea. Presenta autori con un disegno realistico e altri con uno stile di sintesi, storie con toni avventurosi e altre con situazioni umoristiche, storie brevi e storie lunghe, storie singole e storie che fanno parte di una serie. In questo numero sono pubblicate, oltre alla terza storia di presentazione dei personaggi seriali apparsi nei numeri precedenti, tre particolarità: - la prima è una delle storie umoristiche che vedono protagonista Skinny Marink, un adolescente statunitense degli anni 50 alle prese con buffe situazioni nella vita quotidiana di un ragazzino della tipica - almeno per quegli anni - “classe media” delle città del nord-America. Brevi e leggere storie disegnate nello stile morbido e piacevole degli autori di “Little Angel”, che lo ospitava nel proprio albo a fumetti. L’iniziale progetto di inserire tutte le sue storie in un numero della rivista è risultato inadeguato, ho ritenuto una miglior scelta stamparle all’interno del volume dedicato a Angel, che quindi cambia titolo; - la seconda è la riproduzione completa dei contenuti di un albo promozionale a distribuzione gratuita - trovate delle spiegazioni su questo tipo di pubblicazione in una specifica scheda a pagina 48 - realizzato totalmente da Bob Powell, che almeno in parte già conoscete per aver letto nei numeri precedenti le sue storie di “Man in Black”. Una storie avventurosa, visualizzata con un potente disegno realistico - con qualche efficace libertà poetica per l’elasticità del corpo umano nelle scene di azione - e un eccellente tratteggio nell’inchiostrazione, che riesce a essere godibile in quanto non viene “intaccata” dal fine pubblicitario della pubblicazione; - per finire, è presente un elemento di completamento di un contenuto del numero precedente, che potete ammirare nelle pagine seguenti: si tratta di due studi preparatori per la copertina dell’albo dedicato a Fu Manchu, che è stato pubblicato nel precedente numero di questa rivista. I due disegni sono tratti da “The Wallace Wood sketchbook II”, (1981) eds. Bill Crouch e Bill Pearson, di cui è riprodotta qui a fianco la copertina. Sono tre particolarità che mostrano uno degli scopi della rivista, il cui fine non è solo quello di presentare i materiali di futuri volumi, ma anche quello di essere essa stessa uno strumento di catalogazione e raccolta. Oltre alle storie a fumetti ci sono i vari redazionali in schede, con le biografie di due autori e, come già detto, una scheda dedicata ai “free press” pubblicitari. Con questo numero si chiude il primo ciclo di presentazioni. Le energie della redazione, ora, saranno indirizzate al completamento di alcuni dei volumi in preparazione, di cui trovate le copertine nelle pagine pubblicitarie di intermezzo tra una storia e l’altra. Successivamente la rivista riprenderà le sue uscite con una nuova trilogia di numeri e con la presentazione di nuovi personaggi."

Buona lettura!